Casa a Colori opera attraverso la partecipazione a bandi nazionali ed europei, attraverso i quali copre i costi necessari a portare avanti le proprie attività.
Se vuoi sostenerci direttamente puoi donare il tuo 5×1000 alla nostra associazione indicando nell’apposta casella del tuo modulo Unico il codice Fiscale dell’Associazione: Codice Fiscale 91007300246

Dona il tuo tempo
La risorsa che spesso ci manca è soprattutto il tempo: se hai tempo da dedicare agli altri, fosse anche solo qualche pomeriggio al mese, contattaci e cercheremo di capire assieme in che modo coinvolgerti.

Nel tuo piccolo ci sono anche piccole semplici azioni che puoi fare senza rivoluzionare la tua vita: seguici sulla nostra pagina di Facebook e aiutaci a far conoscere le nostre attività, partecipa quando organizziamo un evento o celebriamo assieme, parla di noi a chi non ci conosce.
Ma soprattutto fatti portatore di una cultura di apertura e accoglienza della diversità!


Ecco alcuni modi in cui rendi il nostro lavoro immediatamente più semplice:

  • sorridi. In un epoca in cui sono tutti pronti a scendere in piazza con le torce e con i forconi, il sorriso è un gesto rivoluzionario. Non rinunciare alla gentilezza.
  • non restare in silenzio quando qualcuno che conosci dice qualcosa di razzista. Non insultare, non aggredire, ma non lasciargli credere di essere d’accordo con quello che sta dicendo.
  • informati meglio che puoi, approfondisci e non divulgare notizie scritte in modo impreciso con l’unico scopo di acchiappare click. Se vedi una bufala, fai sapere a chi l’ha postata che si tratta di una notizia falsa e metti un link alla fonte in cui trovare maggiori approfondimenti
  • viaggia, scopri il mondo, parla con gente nuova per quanto ti è possibile. Immergiti in culture diverse dalla tua con la mente aperta, mangia cibi nuovi e impara a cucinarli, impara a dire grazie in una lingua che non conosci (e anche “scusi, dov’è il bagno?”, torna sempre utile)
  • riconosci i tuoi pregiudizi e non smettere di combatterli. È facile identificare e giudicare chi dice cose orribili apertamente, ma l’intolleranza ha molte facce e a volte quelle facce ci appartengono. Quando ti accorgi che quella faccia è la tua, non scappare: un buon punto di partenza è quello di usare i mezzi a tua disposizione per approfondire l’argomento.
  • non lasciarti abbattere dallo sconforto. Il lavoro da fare per una società realmente interculturale è enorme e non è mai finito, ma comincia da ogni singola persona